Centro Naturalista Italiano

 

 

 

 

 

BIONUTRIZIONE

 

 

 

 

 

La Salute

 

 

 

 

 

Si intende lo stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattie o infermità. D’altra parte il linguaggio comune, anche medico, tende per motivi pratici a porre l’accento sulla condizione di assenza di malattie.

 

La valutazione dello stato di salute di una persona è molto difficile e abbisogna di criteri applicativi, oltre ai concetti della precedente definizione. Per esempio,

occorre stabilire cosa si intende per normalità: si può fare riferimento a un modello prestabilito, o alle caratteristiche della classe più frequente della popolazione, o infine alla completa assenza di manifestazioni patologiche attive.

 

In ogni caso, nello studio di una persona vanno tenute presenti le condizioni genetiche e ambientali in cui essa vive. La misura quantitativa dello stato di salute di una popolazione in termini positivi si avvale normalmente di indici indiretti, quali la salubrità dell’ambiente, il grado di organizzazione dei servizi igienici, sanitari ecc...

 

Uno degli elementi che contribuiscono alla sua promozione è l’educazione sanitaria e nutrizionale.

 

La prima, dovrebbe essere impartita sin dall’infanzia attraverso la partecipazione dei genitori, in occasione di visite mediche periodiche e contatti con i sanitari in veste di consiglieri. Dovrebbe poi proseguire nell’adolescenza, preferibilmente senza la presenza dei genitori, in modo tale che l’individuo si abitui ad avere cura del proprio star bene, acquisendo dimestichezza con l’organizzazione sanitaria.

 

La seconda, inizia fin dalla nascita e prosegue nella crescita fino all’età adulta.

 

La scuola, dovrebbe contribuire con i genitori ad impartire un adeguato insegnamento nutritivo affinché il soggetto possa imparare a vivere e crescere in conformità alle proprie esigenze nutrizionali ed alla sua salute psicosomatica.

 

 

 

 

 

Home