Centro Naturalista Italiano

 

BIONUTRIZIONE

 

Il Sale

 

 

 

I SAPORI

 

 

 

 

È possibile un’alimentazione ricca di sapore, povera di sodio e che - al contempo - dia soddisfazione al palato?

 

Certo che sì! Basta seguire alcuni consigli:

 

* eliminare il sale aggiunto. Quello contenuto negli alimenti è già sufficiente!

 

* eliminare gli alimenti confezionati con sale: insaccati, formaggi ed i cibi con sale aggiunto;

 

* utilizzare frutta e verdura;

 

* eliminare il più possibile l’acqua contenente sodio.

 

Per preparare delle ricette povere di sale ma gustose, necessita sapere cos’è il “gusto”.

 

Il cibo è costituito da vari elementi, ed ognuno ha un “gusto”: il salato, l’acido o aspro, il dolce e l’amaro. Miscelando i vari sapori, è possibile avere piatti poveri di sodio… e gustosi!

 

Vediamo la “tabella dei gusti” che evidenzia come i quattro elementi base si combinano tra di loro:

 

 

 

DOLCE

viene equilibrato dal salato, smorzato dall’acido e dall’amaro

 

 

SALATO

viene smorzato dal dolce, ma è esaltato dall’amaro e dall’acido

 

 

ACIDO

viene rinforzato dall’amaro e dal salato, smorzato dal dolce

 

 

AMARO

viene rinforzato dal salato e dall’acido, equilibrato dal dolce

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mappa linguale delle zone del gusto.

 

 

L’area centrale della lingua

presenta un ridotto numero di

calici gustativi ed è

relativamente insensibile ai sapori.

 

 

 

 

Uno fra i tanti segreti per una buona cucina esente di sodio aggiunto, sta nell’elevare il sapore degli alimenti unendoli a sostanze o spezie con proprietà aspre o amare, o con spezie sensibilmente mordacee - unione dell’aspro e dell’amaro con elementi un po’ orticanti o piccanti.

Si consiglia di non utilizzare spezie dolci, che tendono ad alterare il sapore degli alimenti, mentre danno un gusto piacevole il basilico, la menta, l’origano, la salvia, il prezzemolo, il solo profumo dell’aglio, i capperi e le olive ben risciacquate per togliervi il sale e l’aceto ecc. Qualche goccia di limone nell’insalata che accompagna gli alimenti proteici, fatta eccezione per i formaggi, è un tocco da buongustaio!

 

 

La giusta assimilazione di sodio regola l’equilibrio acido-basico corporeo

il bilanciamento idrosalino, la funzione del sistema nervoso.

 

 

Il sodio viene utilizzato in modo eccessivo nella preparazione degli alimenti. Limitare l’uso dell’aggiunto ed usufruire solo di quello contenuto nei vari alimenti aiuta a prevenire l’ipertensione e l’osteoporosi dato che favorisce la perdita di calcio con le urine, i disturbi gastrici compresa l’ulcera e forse anche il tumore allo stomaco.

 

È preferibile un alimento ricco di vegetali e povero di grassi e derivati animali: con ciò si riduce di molto l’utilizzo del sodio, dato che in natura è maggiormente presente nei cibi animali che nei vegetali.

 

 

 

 

 

Home